Thailandia

Thailandia: “all’arrivo in questa terra, i viaggiatori si sentiranno lontani anni luce dalla vita caotica”.

Oggi vi porto alla scoperta della Terra del Sorriso.

All’arrivo in questa terra, fuori la Capitale, i viaggiatori si ritrovano lontani dalla vita caotica e frenetica di tutti i giorni, sia sulle candide spiagge sabbiose che sui mari color smeraldo del Sud oppure sulle montagne a Nord, i viaggiatori possono immergersi in un sogno appagante e sereno.

Grazie al clima mite è possibile viaggiare tranquillamente in tutto il paese in qualsiasi momento dell’anno, scegliendo accuratamente la zona da visitare in base al periodo. 

Il governo thailandese è una monarchia costituzionale. Sua Maestà Re Bhumibol Adulyadej è il nono re della dinastia Chakri, fondata nel 1782 dal Re Rama I. Il regno del Re Rama IX è durato oltre 70 anni ed è stato il più lungo del suo paese, ed è al 2° posto dei regni più lunghi della storia mondiale. La monarchia è immensamente amata nella società thailandese, ed ho potuto toccarlo con mano il 13/11/16, giorno in cui il Sovrano è deceduto, ed io mi trovavo a Bangkok.  Il lutto nazionale è durato un anno. Quel giorno, ed anche nei giorni successivi, i cittadini thailandesi si sono riversati nelle strade di Bangkok per assistere al passaggio del feretro. Immagini, foto e ricordi del Re riempivano il silenzio e il dolore dei cittadini, in ogni hotel vi era un coronamento addobbato con foto e fiori e un raccoglitore di firme, ogni turista che si trovava in struttura doveva apporre una firma per rendere omaggio al Sovrano (dovendo visitare tantissime strutture, non voglio dirvi quante firme ho dovuto apporre!!).

 

Il Buddismo Thevarada è la religione professata, studiano seriamente gli insegnamenti del Buddha. È tradizione per i giovani uomini buddisti in Thailandia sottoporsi ad un’ordinazione per diventare monaci per un periodo che va da cinque giorni fino a tre mesi.  Questa cerimonia ricorre, normalmente, durante il ritiro dalle piogge, periodo in cui non viaggiano e rimangono nei templi.

 

Entriamo più nello specifico di questa terra!

 

La scrittura ed il linguaggio thailandesi risultano incomprensibili, la lingua inglese è largamente usata nelle aree turistiche in particolare Bangkok, Chiang Mai, Chiang Rai, Pattaya, Koh Samui e Phuket. Le indicazioni stradali, soprattutto nelle aree turistiche balneari, sono in entrambe le lingue.

Andiamo a Bangkok!!

 

Bangkok è la capitale della Thailandia, una delle più popolate metropoli sul pianeta, è la più grande città del paese del sorriso, un luogo cosmopolita pieno di grattacieli, antichi templi, palazzi, ed anche incredibili discoteche, vivaci mercati e strade piene di bancarelle che offrono souvenir ed ottimo cibo locale. Passeggiando per le strade di questa città ci si può ritrovare immersi in un ambiente presente e moderno (grattacieli, skyline, super negozi) e pochi passi dopo si viene catapultati nel passato e la tradizione (templi, mercato galleggiante, biciclette).  

Forse il lato più affascinante di Bangkok è proprio questo, mantiene ancora viva la sua tradizione! Ma cosa bisogna visitare durante un viaggio in questa città?

Sicuramente non può mancare la visita ai templi:

  • Wat Pho: conosciuto anche come il Tempio del Budda Sdraiato è famoso per contenere l'immagine di Buddha più grande di tutta la Thailandia e per essere uno dei templi più antichi del paese asiatico, di quasi 200 anni.  La figura del Buddha che conserva al suo interno è larga 26 metri e alta 15, ed è placcata in oro. Rappresenta il Buddha nel nirvana, i suoi piedi sono larghi 5 metri e ci sono incise illustrazioni della sua storia.

*Per visitare il tempio occorre togliere scarpe ed è raccomandabile prendere un recipiente di monetine all'entrata per utilizzarle all'interno del tempio e seguire il rituale di buona fortuna, dove potrai lasciare 108 monete di bronzo nelle urne che ci sono lungo le pareti dei tempio. Se con le monete a disposizione non vengono riempite tutte le urne allora si prospetta un anno sfortunato! *

  • Wat Arun: o anche conosciuto come il Tempio dell'alba. Si tratta di uno dei più emblematici templi di Bangkok, non solo per la sua architettura è molto diverso dal resto dei templi buddisti nella città, ma anche per la sua vicinanza al fiume che lo rende oggetto di numerose fotografie che hanno fatto ormai il giro del mondo.
  • ·         Wat Tramit: è anche noto come il tempio del Buddha d'oro, perchè ospita al suo interno una scultura completamente in oro massiccio, del peso di circa 5 tonnellate e di 3 metri di altezza.
  • Il Grande Palazzo Reale: non c’è viaggiatore che non abbia visitato questo gioiello turistico.

Oltre al mercato ferroviario di Mae Klong, il mercato dei fiori, le case di seta e il mercato di Chatuchak, bisogna dedicare almeno mezza giornata alla visita del Mercato di Amphawa.

Quest’ultimo è definito “mercato galleggiante”, qui troverete una grande varietà di luoghi posti sull'acqua dove ti offriranno una vasta selezione di cucina thailandese. È possibile gustare tutti i tipi di piatti cucinati direttamente sulle proprie canoe dai venditori. Si può scegliere di visitarlo a piedi o in canoa, vi consiglio senza alcun dubbio la canoa, che vi permetterà di vivere in prima persona la magia! Se invece scegliete di visitarlo a piedi, mi raccomando, fate attenzione alle scale per scendere dalla pedana per raggiungere la canoa del venditore, potreste trovarmi senza nemmeno accorgervene in acqua!!

Di notte la città si trasforma, in alcuni quartieri si accendono le “luci rosse” !!  So Cowboy: In questa strada caratterizzata da un'abbondanza di luci al neon troverete dal famoso lady-boys fino al ping-pong show passando attraverso tutti i tipi di go-go bars, alcool, la festa delle luci e degli eccessi abbondano in questo luogo.

 

Nonostante la prima immagine associata alla Thailandia sia quella di un’isola paradisiaca con spiagge bianche e acque turchesi, una delle zone più amate dai turisti è il nord del Paese. Intorno a Chiang Mai, città con un’atmosfera rilassata e piena di alloggi e ristoranti per tutte le tasche, e Chiang Rai poco più a nord, si concentrano siti di interesse storico-culturale ma anche innumerevoli parchi naturali e possibilità escursionistiche. L’offerta pressoché infinita di cose da fare e vedere, l’atmosfera di cui sopra e il fatto che ci siano decine di voli che collegano ogni giorno Chiang Mai a Bangkok con prezzi irrisori, fanno sì che l’itinerario di un viaggio in Thailandia comprenda sempre più spesso il nord del Paese.

Per visitare Chiang Mai e dintorni vi consiglio di fermarvi in città almeno 3 notti, ma anche in una settimana intera non avreste modo di annoiarvi: ecco qualche consiglio su cosa fare e cosa vedere in Thailandia del Nord, tra storia, natura e cucina tradizionale.

Una delle attrazioni principali di Chiang Mai è il tempio di Wat Phrathat Doi Suthep, in cima a un monte che domina la città, che custodisce secondo la leggenda una reliquia del Buddha. Per raggiungerlo potete unirvi a un’escursione organizzata oppure semplicemente noleggiare uno scooter, troverete decine di negozi nelle vie centrali utili a questo scopo.

L’intera Chiang Mai poi è famosa per i suoi numerosissimi templi che affollano il centro storico: i più celebri sono il Wat Phra Singh, il Wat Chedi Luang ed il Wat Phan Tao, interamente realizzato in legno tek come omaggio al commercio di questa materia prima preziosissima che per lungo tempo è stata centrale nell’economia locale.

Da Chiang Mai potete proseguire ulteriormente verso nord e raggiungere Chiang Rai. Molti scelgono di farlo in giornata, ma personalmente vi consiglio di fermarvi almeno una notte perché il tragitto dura oltre 3 ore (e di cose da vedere ne avrete anche qui).

Uno dei motivi principali per cui si raggiunge Chiang Rai è il celebre Wat Rong Khun, anche noto come “Tempio Bianco”.

 

 

La Thailandia Mare annovera una moltitudine di isole tropicali, molte delle quali rappresentano il classico paradiso tropicale, con spiagge bianche, bagnate da un mare turchese, circondate da palme da cocco a perdita d’occhio.

Per il tuo soggiorno mare Thailandia hai soltanto l’imbarazzo della scelta. La scelta della destinazione dipende principalmente dalle tue esigenze e, soprattutto, dal periodo.

Ci sono isole della Thailandia che offrono un soggiorno mare all’insegna del relax, lontano dalla confusione dei principali centri turistici. Oppure puoi optare per una destinazione con un’animata vita notturna e servizi di ogni genere.

La scelta della destinazione dipende anche e soprattutto dal periodo. Infatti, la Thailandia Mare è caratterizzata da due zone climatiche distinte, in particolare per quel che riguarda la stagione delle piogge.

  • Le località ed isole della Thailandia situate nel Mar delle Andamane – quali Phuket, Krabi, Koh Lanta e Koh Lipe – ed il Golfo della Thailandia Settentrionale – Koh Chang, Koh Mak e Koh Kood –  sono soggette al monsone occidentale nel periodo compreso da fine Maggio a fine Ottobre;
  • Le isole della Thailandia situate nel Golfo della Thailandia meridionale – Koh Samui, Koh Phangan e Koh Tao – registrano le maggiori precipitazioni nei mesi di Novembre e Dicembre.

 

Ogni anno milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo trascorrono le loro vacanze in una o più isole della Thailandia. Tra queste non potevamo non menzionare Phuket, l’isola più grande del regno. Quest’ultima, denominata La Perla delle Andamane, rappresenta la destinazione turistica principale della Thailandia Mare.

Nonostante sia battuta dall’industria del turismo da decenni, Phuket conserva tutt’oggi il fascino della destinazione tropicale. L’isola, infatti, garantisce belle spiagge, un entroterra caratterizzato da una rigogliosa vegetazione tropicale, e, soprattutto, un’ampia gamma di itinerari ed escursioni.

Da Phuket è possibile estendere il soggiorno mare a Khao Lak ed alle Isole Phi Phi, piccolo arcipelago caratterizzato da spiagge bianche e spettacolari faraglioni, reso famoso dal film “The Beach” (2000), interpretato da Leonardo di Caprio.

Koh Lanta e le isole Thailandia in provincia di Trang rappresentano le isole della Thailandia più indicate per chi è alla ricerca di un soggiorno mare all’insegna del relax, lontano dal caos e dalla frenesia tipica dei centri turistici principali.

Procedendo verso sud troviamo Koh Lipe, piccola isola situata in prossimità del confine Malese, caratterizzata da splendide spiagge bianche, considerate tra le isole più belle della Thailandia Mare.

Il Golfo della Thailandia annovera numerosi isole tropicali. La destinazione turistica principale è Koh Samui, isola situata nel Golfo della Thailandia meridionale, famosa per la bellezza delle sue spiagge oltre che per la sua vivace nightlife.

Situata a soli 20km da Koh Samui, Koh Phangan è considerata una delle più belle isole della Thailandia.

Caratterizzata da un territorio prevalentemente montuoso ricoperto dalla fitta vegetazione tropicale, Koh Phangan garantisce belle spiagge, alcune delle quali non particolarmente affollate anche durante i periodi di alta stagione (in particolare lungo la costa nord-orientale dell’isola).

Proseguendo in direzione nordest troviamo Koh Tao, l’Isola delle Tartarughe, particolarmente rinomata dagli amanti delle immersioni (scuba diving) per la bellezza e varietà della flora e fauna marina.

Koh Taoo è raggiungibile comodamente da Koh Samui, Koh Phangan e Chumphon.

Nella parte settentrionale del Golfo della Thailandia, invece, troviamo Koh Samet, isola raggiungibile da Bangkok in poco più di due ore, e le isole dell’arcipelago di Koh Chang, situate in prossimità del confine cambogiano.

Tra queste vale sicuramente la pena menzionare Koh Kood (Ko Kut), la quarta isola della Thailandia per estensione, considerata una delle poche isole della Thailandia non ancora battuta dal turismo di massa.

WhatsApp chat